Questo sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Navigandolo ne accetti l'utilizzo. Per avere maggiori informazioni puoi consultare la nostra Privacy PolicyAccetta

Bulova, la prima pubblicità video al mondo


Oggigiorno parliamo della realizzazione di video corporate, di video marketing e di branded video content come se i filmati promozionali fossero la cosa più normale del mondo. Eppure la produzione di spot televisivi non è poi così vecchia: all’epoca della messa in onda di quella che oggi viene considerata come la prima pubblicità televisiva della storia, Woody Allen aveva 6 anni, Stanley Kubrick 13, Clint Eastwood 11. Insomma, parliamo forse di un’altra epoca, ma non di un altro mondo. Guardandolo adesso, quel primo spot, tremolante, sgranato, talmente semplice e povero da lasciare senza parole, ci si rende conto di quanta strada sia stata fatta nella produzione di spot televisivi in questi decenni.

La prima pubblicità televisiva di sempre

Ma qual è stata dunque la prima pietra miliare nella storia della produzione di spot televisivi? Parliamo di un video andato in onda nel 1941, sulla stazione WBNT della NBC, durante una partita dei Dodgers: agli spettatori – a quelle poche migliaia di persone che possedevano una televisione nella New York del ’41 – si presentò il profilo degli Stati Uniti d’America, sormontato dall’immagine stilizzata di un orologio Bulova. Dopo quasi dieci secondi, una voce fuori campo dichiarava ‘America runs on Bulova Time’, ovvero ‘l’America funziona a tempo Bulova’. Semplicissima, ma certamente d’effetto.

La storia di Joseph Bulova

Ma cos’era allora la Bulova? Per capirlo dobbiamo fare qualche altro passo indietro, fino al 1870, quando il giovanissimo Joseph Bulova emigra negli States in cerca fortuna. Cinque anni dopo, appena diciannovenne, apre la sua prima gioielleria a Lower Manhattan. Quarant’anni dopo, conquistato il pubblico newyorkese, lancia la sua prima linea completa di orologi da polso. I suoi precisissimi orologi finiranno allacciati ai polsi degli astronauti della Nasa, ma anche nelle strumentazioni di bordo delle missioni spaziali, e sarà proprio questo brand, nel 1960, a lanciare il primo orologio della storia totalmente digitale. Insomma, quello legato alla produzione di spot televisivi non è affatto l’unico primato della Bulova.

Un investimento di 9 dollari

Per quei 10 secondi di spot televisivo il brand pagò in totale 9 dollari: guardando al potere di acquisto, corrispondono a circa 155 dollari odierni. Non tanto, insomma, ma nemmeno un nonnulla, considerando che i televisori effettivamente presenti nell’area di New York erano davvero pochi. Ad Age, per esempio, ha stimato che non ci fossero più di 4.000 apparecchi, garantendo quindi una visibilità che oggi anche la più povera delle pagine Facebook potrebbe garantire senza troppi sforzi ad un qualsiasi filmato promozionale aziendale.

I primi anni della produzione di spot televisivi

E di certo non bastò questo primo esempio per dare immediatamente il via alla vera e propria produzione di di spot televisivi, anzi: lo scetticismo regnò sovrano per gli anni successivi, perlomeno fino al 1946. Basti riportare che, nel 1941, il presidente della Telecast Productions spiegava che la difficoltà nel vendere gli spazi pubblicitari televisivi era dovuta alla «mancanza di dati certificati sulla effettiva distribuzione dei televisori e sulla tipologia degli spettatori». Fu solo a partire dal 1946, con la fine della Seconda Guerra Mondiale e con l’inizio di una nuova era di ottimismo, che i marketers iniziarono ad investire soldi importanti nella produzione di spot televisivi. Il resto, come si suol dire, è storia, una storia che conosciamo benissimo e che continueremo a incontrare.

L’evoluzione degli spot televisivi ci insegna che, per avere successo, non basta assolutamente presentare il proprio prodotto al pubblico senza nessun valore aggiunto: poteva funzionare nel 1941, ma non certo oggi. Un video pubblicitario senza la giusta narrazione e senza il supporto di una regia attenta e capace di emozionare il pubblico non può sortire l’effetto sperato. Un filmato prodotto seguendo le più importanti regole della grammatica cinematografica, invece, può esaltare un brand come nessun altro: affida la realizzazione del tuo filmato a Thirty Seconds Milano, fai entrare il tuo brand nella storia!

Comments are closed.

Reviews
recensioni
Thirty Seconds Milano - Video Music Event ha una media voti di 5 stelle su 5 avendo ricevuto 27 recensioni di 27 utenti visualizzabili qui
Follow Us